ItalianoEnglishFrançaisEspañolDeutsch

ultimo aggiornamento: 16/11/2018

13/07/2018
Assemblea Acrib 12 luglio 2018

Il Distretto del Calzaturiero della Riviera del Brenta continua a crescere: oltre 2 miliardi di fatturato e più di 20 milioni di scarpe realizzate

Il fatturato del distretto calzaturiero della Riviera del Brenta nel 2017 ha superato i 2 miliardi di euro (2.080,4 milioni di euro), registrando un + 3,9% rispetto all’anno precedente, contribuendo complessivamente al 62,1% del fatturato del settore in Veneto e al 20,7% di quello nazionale della calzatura.
È quanto emerso oggi all’Assemblea 2018 di ACRiB-Sezione calzature di Confindustria Venezia Rovigo che si è tenuta al Centro Congressi Four Points by Sheraton di Padova, alla quale sono intervenuti Siro Badon, Presidente di ACRiB, Carlo Carraro, Direttore Scientifico di Fondazione Nord Est, Vincenzo Marinese, Presidente di Confindustria Venezia Rovigo, Annarita Pilotti, Presidente di Assocalzaturifici e Matteo Zoppas, Presidente di Confindustria Veneto.
Nel corso dell’assemblea sono stati presentati i dati del distretto calzaturiero della Riviera del Brenta - riconosciuto a livello mondiale per l’eccellenza nella produzione di calzature di lusso - che confermano una crescita del settore anche nell’ultimo anno.
Il distretto calzaturiero della Riviera del Brenta oggi riunisce una filiera completa che ha raggiunto le 551 imprese (+3,6%) che rappresentano il 76,1% rispetto al totale Veneto delle aziende del settore, nonché il 12,3% rispetto all’Italia; gli addetti sono passati da 10.389 nel 2016 a 10.587 (+ 2%) nel 2017. (Fonte: Assocalzaturifici, Inps, Istat. Stime: Maestri Calzaturieri del Brenta).
Le imprese calzaturiere della Riviera del Brenta producono il 30,3% delle paia di scarpe realizzate in Veneto e il 10,7% di quelle realizzate in Italia. Nel 2017 la produzione ha superato i 20 milioni di paia (20.121.300), registrando un aumento dell’1,5% rispetto all’anno precedente. Le calzature, principalmente da donna – solo il 5% è produzione da uomo –, vengono esportate per il 92% in tutto il mondo.
Nel corso dell’assemblea sono stati inoltre premiati – per meriti imprenditoriali – Maria Rosa Piacentini, Presidente del Calzaturificio Moda di Fausto Spa e Antonio Rampin, contitolare della Calzaturificio Nipmar srl.

Siro Badon, Presidente di ACRiB, ha dichiarato: “I numeri che abbiamo presentato oggi confermano il successo del nostro distretto, caratterizzato da qualità e legalità che non hanno confronti in Italia e nel mondo. E quando parlo di qualità intendo un concetto che va ben oltre le singole fasi di lavorazione, di una capacità di ingegnerizzare i prodotti partendo spesso (e solo) dall’idea/proposta moda dello stilista. Un know how specifico che ci appartiene profondamente e che, grazie alla proposta di prodotti espressione di un Made in Italy purissimo, ci sta permettendo di stare al ritmo con un’economia internazionale che sta profondamente mutando.”

“La storia e il radicamento internazionale che ACRiB ha realizzato in questi anni è per me motivo di orgoglio e riconoscimento: ACRiB è, per il sistema calzaturiero veneziano e per l’intero sistema moda Italia, un fiore all’occhiello di rappresentanza e di efficienza, un successo che fa dell’aggregazione e della collaborazione il punto di forza. Il distretto della Riviera del Brenta è una realtà unica nel suo genere che si contraddistingue per visione e coesione: visione perché è quella che le aziende della Riviera hanno avuto unendo le loro forze, coesione perché è grazie a questa che hanno dato vita ad un progetto comune, una struttura di formazione e trasferimento tecnologico eccezionale come il Politecnico Calzaturiero”, ha concluso Vincenzo Marinese, Presidente di Confindustria Venezia Rovigo (nella foto).


Vai all'archivio Comunicati Stampa.