ItalianoEnglishFrançaisEspañolDeutsch

ultimo aggiornamento: 06/11/2019

26/06/2019
SIRO BADON NEO PRESIDENTE ASSOCALZATURIFICI

L’Assemblea Generale di Assocalzaturifici, riunitasi questa mattina a Milano in occasione delle Assise di Confindustria Moda, ha proclamato SIRO BADON del Calzaturificio De Robert srl, PRESIDENTE di ASSOCALZATURIFICI per il quadriennio 2019-2023.

Il neo Presidente ha tracciato alcune linee di programma che orienteranno il suo mandato: Made in Italy, innovazione del settore, sostenibilità del ciclo produttivo, attenzione al mondo delle fiere e dialogo con le istituzioni sono stati alcuni aspetti messi in risalto nel suo discorso.

L’INNOVAZIONE TRA RICERCA E FORMAZIONE
Il discorso programmatico di Badon ha posto l’accento sull’innovazione, intesa sia come ricerca & sviluppo del prodotto, sia come attenzione alla formazione e sulla necessità che le istituzioni intervengano per renderla effettiva grazie ad agevolazioni fiscali e azioni mirate. La ricerca, in particolare, caratterizzata sia da nuove tecniche produttive sia da creatività e contenuti moda per la realizzazione di nuovi campionari, ha un ruolo strategico per il Made in Italy e deve essere soggetto a defiscalizzazione o ad agevolazioni fiscali. Anche la formazione è strategica per prevenire la perdita di professionalità e la mancanza di ricambio generazionale con competenze aggiornate: in questo senso, l’Associazione vuole essere propulsore di politiche di trasferimento di specializzazioni tra i territori e rendere sempre più strette le relazioni con Università ed ITS. Risorse regionali, richieste anche attraverso una forte azione di lobby a livello nazionale ed europeo, e una maggiore attenzione ai fondi interprofessionali saranno gli strumenti per rendere concreto l’intervento di Assocalzaturifici sul tema delle professionalizzazione del settore. Il nuovo presidente ha, inoltre, ribadito la volontà di rafforzare la rete di relazioni dell’associazione in Italia e di mettere in campo azioni mirate attraverso piani e progetti di ricerca e innovazione, anche nell’ambito della nuova programmazione UE 2021- 2027 in collaborazione con CEC (Confederazione Europea della Calzatura).

LA SOSTENIBILITA’: UN VALORE PER MERCATO E IMPRESE
Badon hai ricordato come la sostenibilità sia una delle più grandi sfide del futuro vista la crescente sensibilità del consumatore su questo tema, ma anche la necessità per le imprese di risparmiare risorse, ridurre gli sprechi e ottimizzare l’approvvigionamento energetico. Secondo il neo-presidente diventa per questo indispensabile predisporre un piano strategico, in cui, all’interno di Assocalzaturifici, avranno un ruolo fondamentale Cimac, la Ricerca & Sviluppo e la Formazione, per contribuire al contenimento dell’impatto ambientale ed incrementare l’economia circolare nel settore moda. Inoltre, l’associazione sarà attiva con una campagna di comunicazione veicolata anche attraverso manifestazioni fieristiche internazionali. Nell’ambito della certificazione delle produzioni, Badon ha ribadito, in particolare, il ruolo del Cimac come uno degli asset portanti in tema di qualità delle produzioni e ha osservato come esso vada potenziato anche attraverso collaborazioni trasversali nel settore moda per costruire un network ancora più efficace di sinergie e servizi alle imprese. INTERNAZIONALIZZAZIONE E FIERE: LA CENTRALITA’ DI MICAM Rispetto alle strategie di mercato, il neo-presidente ha annunciato che le politiche fieristiche e le attività di internazionalizzazione verranno sostenute e potenziate, in collaborazione con ICE, attraverso missioni promozionali e commerciali, scouting sui mercati e programmi di incoming per far conoscere alla clientela internazionale gli assets del nostro calzaturiero: storia, tradizione, saper fare, ma soprattutto saper vivere, il “life style” italiano. Ha poi ribadito l’azione di sostegno dell’Associazione per promuovere la partecipazione delle Aziende Associate alle manifestazioni estere con il fine di consolidare e potenziare la presenza delle aziende Italiane sui diversi mercati. Nel contesto fieristico, Badon ha ricordato come MICAM rappresenti la migliore vetrina nel mondo delle produzioni calzaturiere di piccole-medie e grandi aziende del nostro Paese, annunciando l’intenzione di istituire un Comitato Tecnico-Scientifico composto da rappresentanti di Confindustria Moda, esperti del mondo del fashion, influencers, sociologi, analisti dei consumi di settore ed espositori, che interagisca e dialoghi costantemente con la Presidenza per rendere sempre più ampia e strategica la partecipazione di aziende e buyer alla manifestazione.

L’IMPORTANZA DEL DIALOGO CON LE ISTITUZIONI
In continuità con l’attività di Assocalzaturifici negli anni scorsi, il neo-Presidente ha ribadito l’impegno e la presenza dell’associazione nei distretti per condividere i problemi degli imprenditori e individuare insieme a loro soluzioni comuni. Tra le istanze particolarmente importanti per la nuova presidenza, l’azione di lobby intorno al valore del Made in Italy in sede nazionale, comunitaria ed in tutti i territori a vocazione calzaturiera affinché, con il supporto del Sistema e di Confindustria Moda, vengano potenziate politiche e iniziative comuni per ottenere l’obbligatorietà del “made in …” e della certificazione d’origine dei prodotti. L’attività di lobby di Assocalzaturifici con i vari soggetti istituzionali, nazionali ed europei, sarà poi orientata a temi come la riduzione del costo del lavoro, in continua collaborazione con il Ministero degli Esteri e il Ministero dello Sviluppo Economico, ma anche con ICE Agenzia, SACE e Simest.

CHI E’ SIRO BADON
Padovano di nascita, nel 1976 entra nell’azienda di famiglia, il calzaturificio De Robert srl di Saonara, collaborando con il padre, fondatore dell’azienda nel 1955, e con il fratello Roberto nella gestione produttiva. In seguito, si è occupato della gestione amministrativa della società, di cui diventa Presidente nel 1986. Dagli anni ’90 si concentra sull’area commerciale, portando l’azienda all’inserimento nel Nord Europa ed intraprendendo una serie di viaggi in Asia, dove sigla importanti accordi commerciali in Giappone, Korea, Hong Kong e Taiwan. Per il raggiungimento di questi obiettivi, che consolidano la De Robert sul piano internazionale, nel 2010 egli riceve il premio “Marco Polo” da Unioncamere del Veneto, quale riconoscimento all’importante internazionalizzazione realizzata da una PMI. Tra gli incarichi istituzionali e cariche associative ricoperte, è stato componente del Consiglio Generale di Confindustria Venezia Rovigo, nel Consiglio Direttivo di NeaFidi, Confindustria Padova, Confindustria Veneto, Politecnico Calzaturiero e, a livello nazionale, Vice Presidente di Assocalzaturifici con delega alla Formazione per 8 anni. Dal 2011 è Presidente del Consorzio Maestri Calzaturieri del Brenta. Nello stesso anno all’unanimità è chiamato alla guida di A.C.Ri.B., divenendone il Presidente nel 50° di fondazione. Per assicurarne la continuità per altri 50 anni ha condotto ACRiB sul fondamentale percorso di integrazione di sistema con Confindustria Venezia Area Metropolitana di Venezia e Rovigo, per cui sta concludendo il mandato come Presidente ACRiB-Sezione Calzature.


Vai all'archivio Comunicati Stampa.